FacebookInstagramTwitterYouTube

L'altro giorno ho fatto una visita ginecologica, l'ho prenotata, pagata e ricevuto fattura dalla dottoressa e non ho ancora guardato quanto ho pagato.


Questo è un lusso per me. Arrivare al punto in cui posso pagare un servizio senza: aver ricevuto un preventivo, aver messo da parte i soldini, titubante aver chiesto e ri-chiesto il prezzo per accertarmi che fosse rimasto invariato, controllare il saldo sulla mia carta prima di fare il pagamento, è un lusso a cui sono arrivata oggi, alla non irrisoria età di 51 anni.

Non ho provato vergogna e umiliante imbarazzo quando la dottoressa ha espresso il suo stupore nel sentire che non facevo un pap-test dal 2013, o che ho una spirale dal 2009, mai controllata. Ho potuto dirle che era perché (ed è parte della verità) ho cambiato tante case e nazioni negli ultimi vent'anni. Certo, non le ho detto che ben due volte ho prenotato la visita, ma risultando non in grado di pagarla l'ho dovuta prima rimandare a una data, e poi rimandarla a data da definirsi.

Non le ho detto che una di queste volte ero andata sino al reparto di ginecologia di un ospedale, dove avevo prenotato, poi al CUP per pagare prima della visita, e poi a casa, perché il prezzo del ticket per la visita era oltre le mie possibilità.

Non ci vuole molto per restituire dignità alla persona che non si può concedere il lusso che mi sono concessa io nel laboratorio privato a cui ero finalmente andata:

  • ad ogni occasione, prenotazione, assegnazione di visita da parte di medico, prenotazione ticket e via dicendo, bisogna sempre dire quanto costerà la visita. Non solo, bisognerebbe sempre dire le alternative (puoi andare a prenotare tramite qui, puoi richiedere aiuto per spese mediche in questo ufficio, e via dicendo). In modo standard, conciso, perché non sembri che ti stiano guardando in faccia e pensando "questa è una pezzente".

  • l'informazione vale anche al contrario, e cioè: non date per scontato che siccome sono europea e ho più di 50 anni posso permettermi di pagare senza conoscere il costo di un servizio, né date per scontato che uno straniero extraeuropeo non sia in grado di permettersi le cure private, che in molti casi invece sceglierebbe, per garantirsi un trattamento più dignitoso e tempi più stretti.


The other day I had a gynaecological examination, I booked it, paid and received an invoice from the doctor and I still haven't looked at how much I paid.

This is a luxury for me. To get to the point where I can pay for a service without: having received an estimate, having put the money aside, hesitantly having asked and re-asked for the price to make sure it remained the same, checking the balance on my card before making the payment, is a luxury I have arrived at today, at the not inconsiderable age of 51.

I felt no shame and humiliating embarrassment when the doctor expressed her amazement at hearing that I hadn't had a pap smear since 2013, or that I have had an IUD since 2009, never checked. I could tell her it was because (and this is part of the truth) I have changed many homes and countries in the last twenty years. Of course, I didn't tell her that twice I booked the visit, but as I was unable to pay for it, I first had to postpone it to a date, and then postpone it to a date to be determined.

I did not tell her that one of these times I had gone all the way to the gynaecology department of a hospital, where I had booked, then to the CUP (unified booking centre) to pay before the visit, and then home, because the price of the ticket for the visit was beyond my means.

It doesn't take much to restore dignity to a person who cannot afford the luxury that I afforded myself in the private lab I had finally gone to:

  • at every occasion, reservation, doctor's appointment, ticket booking and so on, one should always say how much the visit will cost. Not only that, one should always tell the alternatives (you can go and book through here, you can ask for help with medical expenses in this office, and so on). In a standard, concise way, so that it doesn't look like they are looking you in the face and thinking 'this is a beggar'.

  • the information also applies in reverse, i.e.: do not assume that because I am European and over 50 I can afford to pay without knowing the cost of a service, nor assume that a non-European foreigner is unable to afford private treatment, which in many cases he or she would choose instead, in order to guarantee more dignified treatment and shorter timescales.

L'autre jour, j'ai subi un examen gynécologique, je l'ai réservé, j'ai payé et reçu une facture du médecin et je n'ai toujours pas regardé combien j'ai payé.

C'est un luxe pour moi. Arriver au point où je peux payer un service sans : avoir reçu un devis, avoir mis l'argent de côté, avoir hésité à demander et redemander le prix pour être sûr qu'il reste le même, vérifier le solde de ma carte avant d'effectuer le paiement, est un luxe auquel je suis arrivé aujourd'hui, à l'âge non négligeable de 51 ans.

Je n'ai ressenti aucune honte ni aucune gêne humiliante lorsque le médecin a exprimé son étonnement en apprenant que je n'avais pas eu de frottis depuis 2013, ou que j'avais un stérilet depuis 2009, jamais vérifié. Je pourrais lui dire que c'est parce que (et c'est une partie de la vérité) j'ai changé de maison et de pays au cours des vingt dernières années. Bien sûr, je ne lui ai pas dit que deux fois j'ai réservé la visite, mais comme je n'étais pas en mesure de la payer, j'ai dû d'abord la reporter à une date, puis la reporter à une date à déterminer.

Je ne lui ai pas dit qu'une de ces fois, j'étais allée jusqu'au service de gynécologie d'un hôpital, où j'avais réservé, puis au CUP (centre de réservation unifié) pour payer avant la visite, puis à la maison, car le prix du billet pour la visite était au-dessus de mes moyens.

Il ne faut pas grand-chose pour rendre sa dignité à une personne qui ne peut pas se permettre le luxe que je me suis offert dans le laboratoire privé où j'avais fini par aller:

  • à chaque occasion, réservation, rendez-vous chez le médecin, réservation de billets et ainsi de suite, il faut toujours dire combien coûtera la visite. En plus de cela, il faut toujours dire les alternatives (vous pouvez aller réserver par ici, vous pouvez demander de l'aide pour les frais médicaux dans ce bureau, et ainsi de suite). De manière standard et concise, afin de ne pas donner l'impression qu'ils vous regardent en face en se disant "c'est un mendiant".

  • l'information s'applique également en sens inverse, c'est-à-dire : ne partez pas du principe que parce que je suis européen et que j'ai plus de 50 ans, je peux me permettre de payer sans connaître le coût d'un service, et ne partez pas non plus du principe qu'un étranger non européen n'est pas en mesure de se payer un traitement privé, qu'il choisirait plutôt dans de nombreux cas, afin de garantir un traitement plus digne et des délais plus courts.

El otro día me hice un examen ginecológico, lo reservé, pagué y recibí una factura del médico y todavía no he mirado cuánto pagué.

Esto es un lujo para mí. Llegar al punto de poder pagar un servicio sin: haber recibido un presupuesto, haber apartado el dinero, haber preguntado y vuelto a preguntar por el precio para asegurarme de que seguía siendo el mismo, comprobar el saldo de mi tarjeta antes de efectuar el pago, es un lujo al que he llegado hoy, a la nada desdeñable edad de 51 años.

No sentí vergüenza ni un bochorno humillante cuando la doctora expresó su asombro al enterarse de que no me había hecho una citología vaginal desde 2013, o de que tengo un DIU desde 2009, nunca revisado. Podría decirle que era porque (y esto es parte de la verdad) he cambiado muchos hogares y países en los últimos veinte años. Por supuesto, no se lo dije las dos veces que reservé la visita, pero como no podía pagarla, primero tuve que aplazarla a una fecha, y luego posponerla a una fecha por determinar.

No le dije que una de esas veces había ido hasta el servicio de ginecología de un hospital, donde había hecho la reserva, luego al CUP para pagar antes de la visita, y después a casa, porque el precio del billete para la visita estaba por encima de mis posibilidades.

No hace falta mucho para devolver la dignidad a una persona que no puede permitirse el lujo que yo me permití en el laboratorio privado al que finalmente acudí:

  • En toda ocasión, reserva, cita con el médico, reserva de billetes, etc., siempre hay que decir cuánto costará la visita. No sólo eso, siempre hay que contar las alternativas (puede ir a reservar por aquí, puede pedir ayuda con los gastos médicos en esta oficina, etc.). De forma estándar y concisa, para que no parezca que le miran a la cara y piensan "este es un mendigo".

  • la información también se aplica a la inversa, es decir: no dé por sentado que porque soy europeo y tengo más de 50 años puedo permitirme pagar sin conocer el coste de un servicio, ni dé por sentado que un extranjero no europeo no puede permitirse un tratamiento privado, que en muchos casos elegiría en su lugar, para garantizar un trato más digno y plazos más cortos.

Dietro a tutto ciò che facciamo, c'è un forte ideale.

In questa sezione collezioneremo i vari articoli scritti pensieri, parole... Impariamo ogni giorno, sia la realtà di come stanno le cose, che ad andare avanti con ulteriore convinzione.

La diversità ci rende più forti, e questo concetto è per noi innegabile. Perché in realtà siamo tutti uguali, siamo tutti umani, siamo tutti fratelli e sorelle, figli di uno stesso pianeta.

Detto questo, e data la realtà della nostra Costituzione Italiana tanto bistrattata, non possiamo arrenderci davanti alle difficoltà date dalla burocrazia, dalla non voglia di fare, a volte purtroppo anche della corruzione.

Noi andiamo avanti sempre più convinti e sempre più solidi, e lo facciamo perché l'esperienza ci ha rafforzati, e siamo per questo sempre più pronti ad aiutare chi fatica a trovare la forza di reclamare la propria dignità.

Come puoi sostenerci?

  • Puoi donare il tuo ​5 per mille! Inserisci il Codice Fiscale 90054230751

  • Puoi tesserarti o fare una donazione tramite il nostro IBAN: IT60B0306909606100000173739 Intestato a La Pecora Nera APS

  • Oppure, su PayPal: https://www.paypal.com/paypalme/lapecoranera

  • Ti puoi offrire come volontario! Scrivi a +39 351 158 0341 o a info@lapecoraneraaps.it


Una grande vittoria per noi e per i nostri tesserati.

Ieri abbiamo saputo di aver conquistato una vittoria grandissima.

È stata annunciata in sordina, con una PEC. Cambia la vita a “sole” 4 persone, di cui due bimbi.

È in gran parte merito della capacità di aiutoaiutarsi e non arrendersi della persona principale.

Ma è anche merito della perseveranza, la precisione, la dedizione e l’enorme professionalità del nostro vicepresidente e mediatore capo, e del nostro avvocato.

Come presidente de La Pecora Nera APS di Lecce, sono fiera del nostro lavoro. Siamo un faro nel mondo corrotto, sfruttatore ma anche confusionario fino alla disperazione del processo di immigrazione in Italia.

In questi giorni più che mai l’aver ottenuto il riconoscimento della protezione sussidiaria (che credevamo ormai defunta, uccisa dalla mano caotica e senza senso del ministero dell’interno di Salvini) significa tutto per noi e per la persona che l’ha ricevuta, la fine di incubi ed ansia per la vita propria e dei suoi figli. Significa anche però, che un/una giudice ha deciso di non fermarsi ad un facile ulteriore diniego, ma, con l’aiuto della nostra legale, ha guardato oltre, guardato a fondo, pensato, e visto, che la persona non poteva essere rispedita nel proprio paese, considerato “sicuro” dalla nostra assurda e incostituzionale politica di accoglienza, ma meritava di essere accolta, e protetta, e di aver diritto a una vita dignitosa, e sicura.

Più fascista diventa il governo, più persone si sentono in diritto di esprimere la propria intolleranza, le proprie meschine paure del diverso, la propria ignorante (non come offesa, come fatto: quanto poco sanno) convinzione che la persona straniera, o comunque diversa dallo stampino plasmato da altri abili e storici manipolatori, sia in qualche modo una minaccia per loro. E questo rende il nostro lavoro più difficile. L’effetto di misura uguale ed opposta, però, è che sempre meno persone si accontentano di fare spallucce, di dire “peccato”, di limitarsi a parole denigranti il fascismo anziché fare qualsiasi azione di vera resistenza. Noi a La Pecora Nera abbiamo provato spesso sconforto, scoraggiamento.

Siamo stati spaventati o feriti dalle minacce e dalle accuse ed insulti che ci arrivavano da varie inaspettate fonti, alcune più spaventose di altre. Ma ora più che mai, dopo l’elezione di questo governo di estrema destra, abbiamo deciso di perseverare, di resistere, di lottare poco a poco per chi non chiede altro che il diritto a potersi guadagnare una vita dignitosa.

Questa nostra piccola grandissima vittoria è un riconoscimento non solo della protezione inestimabile per la nostra tesserata, non solo del lavoro del nostro vicepresidente e dell’avvocato che l’ha portata a casa, ma anche per la coscienza del/della giudice che gliel’ha concessa.

Sappiamo che lei/lui ha scelto di fare il proprio lavoro in modo integro e solenne, come si addice ad un giudice, invece che pigramente, crudelmente esprimere un ulteriore e più semplice rifiuto.

La Pecora Nera continua la sua corsa nel prato in mezzo alle pecorelle bianche, amando e accettando e tollerando la loro lana candida, ma felice e fiera della propria pelliccia.

Non nascondetevi se siete anche voi pecorelle diverse dal gregge, conosciamoci e parliamoci perché la diversità ci colora e ci rende più belli!

+39 351 158 0341

info@lapecoraneraaps.it